Passo a Windows Phone (Mango)

Windows Phone Mango

Ebbene sì, dopo 5 anni e 3 iPhone (il primo un glorioso 2G), son passato da poche ore a Windows Phone Mango (e la colpa, sia ben chiaro, non è la prematura dipartita di Steve Jobs).

I vari fanboy di Apple (che fortuna non esserlo :-) ) non approveranno mai la mia mossa, ma io sono un curioso, desideroso di provare cose nuove, di sentire sempre 2 campane prima di farmi una idea precisa, e quindi eccomi qui con un HTC Radar nel tentativo di capire quanto è buono il Mango di Microsoft.

Lasciando stare gli aspetti tecnici, di interfaccia grafica e di usabilità dello smartphone – d’altra parte questo non è un blog che parla di telefonia mobile – vorrei invece concentrarmi sull’aspetto più “markettaro” del nuovo Windows Phone.

Come illustra Horace Dediu su asymco, Windows Phone è in un limbo. Nell’ultimo trimestre – ma in quel periodo la versione 7.5, ovvero Mango, non era ancora stata rilasciata – si stima abbia venduto fra 1,4 e 1,7 milioni di telefoni (molti meno dei soli iPhone 4s in un weekend), che significano una quota di mercato di unità vendute fra l’1,3% e l’1,6% (e una discesa dal 2.8% al 2,2% sul monte utenti complessivo).

Quote di mercato di iOS, Android, Blackberry, Symbian e Windows Phone

Ma nonostante questi tristi numeri io credo che Microsoft possa arrivare, nell’arco di 2-3 anni, a diventare un player importante nel settore del mobile.

Perché lo credo? Ricordiamoci innanzitutto che Microsoft ha siglato un deal da più di un miliardo di dollari con Nokia: Nokia avrà anche perso il treno degli smartphone, ma è nel cuore di moltissimi utenti e conserva legami importanti con parecchi carrier telefonici. Immagino che a brevissimo spunterà il Mango nei punti vendita dei vari TIM, Vodafone & Co.

Inoltre, a livello di marketing, già un anno fa Microsoft destinò un budget di 400 milioni di dollari da spendere per Windows Phone 7, e pare che solo in UK metterà sul piatto altri 20 milioni di sterline in pubblicità per spingere Mango nei prossimi mesi. Immagino spot a pioggia in TV, sui giornali e (spero :-) ) sul web nel periodo natalizio.

Cosa mi sento di consigliare a Microsoft?

• fate (anzi, fate sviluppare) app a raffica: se l’obiettivo – e credo che l’obiettivo sia questo, no? – è conquistare quote di mercato (anche erodendo utenti a iOS/Android), non ha alcun senso che non esista – per esempio – Instagram per Windows Phone. Così come Dropbox, o Viber. Andate dai developer, organizzate più contest (tipo questo), showcase, seminari gratuiti, PAGATE gli sviluppatori in qualche modo, ma tirate fuori tutte le app per cui gli utenti delle altre piattaforme vanno pazzi. Avete poco più di 30.000 app – che è già un bel risultato – ma fate in modo che diventino in breve tempo 300.000, e soprattutto che nel marketplace siano presenti le 1.000 “top app” di iOS e Android.

• integrate Skype, e subito: l’avete comprata mesi fa, non ha senso che non sia integrata in Windows Phone. Skype ha un installato mostruoso su PC “fisso”, inserirla in Windows Phone è la morte sua.

• continuate a lavorare sul percorso di convergenza fra “fisso” e mobile: avete un vantaggio immane sui competitor, quello di avere il sistema operativo – ovvero Windows, sia esso XP, Vista, o 7 – presente in praticamente tutte le case del pianeta, e di avere software come Word, Excel e Power Point utilizzati in praticamente tutte le aziende. Rendere i 2 mondi completamente trasparenti e interoperabili potrebbe essere la mossa vincente (anche in ottica di Windows 8, che dovrà necessariamente essere un sistema operativo “trasversale”).

Ah, e se via avanzano 2 soldi in tasca, comprate RIM (=BlackBerry) ;-)


Copyright © TagliaBlog: puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale.

Post correlati:

Tags: , , , , , , , , ,

Archives



Pages

Categories